Filo_diretto - Torna la sfilata di carnevale

 

Data: 17-02-2020

 

Photo

Carissimi Soci,

anche quest’anno, per il quarto anno consecutivo, si ripete la sfilata di carnevale del Poggio.

Il carnevale è un altro evento appartenente alla tradizione poggina, la cui prima edizione venne organizzata nel febbraio 1974, da Anita Anedda e Loriana Linetti. Ma come non ricordare le grandi sfilate degli anni ’80: un gruppo promotore spontaneo formato da Bibba Boy, Tonina Floris, Anna Melis e Mariolina Orrù organizzò per il Carnevale una serie di grandi cortei mascherati. Al rullo dei tamburi veniva portato sul luogo dell’esecuzione e quindi bruciato un gigantesco pupazzo di Re Cancioffali, realizzato ogni anno con grande abilità e fantasia dal socio Sergio Boy. La festa, sempre molto apprezzata e partecipata, si concludeva con una zeppolata danzante, presso i locali del vecchio Circolo sociale o della Palestra.

Quest’anno, l’appuntamento è per sabato 29 febbraio, ore 15.30, presso la Piazza Ricchi del Centro Commerciale, per poi procedere con una gioiosa e colorata sfilata verso la Club House della Zona Sportiva, dove si terrà una grande festa con brindisi e zeppolata per tutti.

Anche nelle scorse settimane ho voluto evidenziare come oggi Poggio dei Pini sia viva, animata da una fervente vita comunitaria che la Cooperativa e le numerose Associazioni presenti sul territorio stimolano attraverso l’organizzazione di numerosi eventi, siano essi sociali, culturali o semplicemente conviviali.

La rinascita di una vita comunitaria attiva e partecipata è stato uno dei principali obiettivi che c’eravamo posti in questa esperienza amministrativa e rappresenta il segno evidente che discordie e guerre di fazioni appartengono al passato.

Chi legittimamente contesta l'attuale amministrazione e altrettanto legittimamente vorrebbe forse candidarsi alle elezioni ormai prossime non dovrebbe secondo me tentare di dare una immagine di Comunità divisa, quando così non è, e non si dovrebbe tentare di alimentare polemiche sterili quasi che si sperasse di tornare a un clima che, per fortuna, appartiene a un passato lontanissimo. Che, col contributo di tutti, non tornerà.

Buona settimana 

 

Federico Onnis Cugia